Blog

Celebrato al Corno alle Scale il 75° anniversario dell’Operazione “Encore”

Nella foto: la manifestazione DAYS OF GLORY, svolta in località Polla al Corno alle Scale, in cui gli sciatori della Parata d’Onore (sulla destra) incontrano il Coro di Monte Pizzo (sulla sinistra)

Domenica 23 febbraio 2020 al Corno alle Scale è stato celebrato il 75° anniversario dell’Operazione “Encore”, l’offensiva militare che porto gli alleati della 10th Mountain Division americana, i brasiliani della FEB e i partigiani allo sfondamento della Linea Gotica tedesca che portò in poco più di 2 mesi alla conclusione della Seconda Guerra Mondiale in Italia.
Una brillante operazione militare che iniziò la sera del 18 febbraio 1945 con l’assalto a sorpresa delle postazioni tedesche asserragliate lungo le vette di Riva Ridge (i Monti della Riva) che controllavano strategicamente l’intera zona e al conseguente attacco principale delle due montagne da conquistare: Monte Belvedere e Monte Castello.
Fu una battaglia cruenta che portò al sacrificio di molte giovani vite.
Con l’evento DAYS OF GLORY abbiamo quindi voluto ricordare quelle gesta eroiche che ci hanno donato la libertà.
L’evento articolato su due diverse giornate prevedeva una camminata della memoria a Monte Belvedere giovedì 20 febbraio e la manifestazione principale domenica 23 febbraio, con la parata d’onore sugli sci dei maestri del Corno alle Scale i quali, nella loro discesa sulla pista principale del Corno, hanno sventolato le bandiere delle nazioni alleate coinvolte nel conflitto.
Ad allietare l’atmosfera di questa cerimonia è stato il Coro di Monte Pizzo che, come nella scorsa edizione, ha offerto al pubblico un commovente repertorio di canti alpini.
C’è stato anche il momento delle riflessioni grazie alle testimonianze di Val Rios, figlio di Cruz Rios soldato americano della 10th Montain Division e Mario Pereira, figlio di Miguel Pereira soldato brasiliano della FEB, che hanno inviato i loro interventi via mail e che sono stati letti da Riccardo Fioravanti, organizzatore della manifestazione nonché presidente di Porretta Terme Way e di Appennino Experience. Hanno inoltre espresso la propria testimonianza anche Federico Pasquali rappresentante del Comune di Lizzano in Belvedere, Antonio Baruffi presidente dell’ANPI dell’Appennino Bolognese (Partigiani Italiani), Peter Gold ex SSgt. della Vermont Guard e 10th Mtn. Div. americana, Franco Capitani rappresentante dei Maestri di Sci del Corno alle Scale e Fabrizio Fioresi rappresentante del Coro di Monte Pizzo.

UNA SINCRONICITÀ DAVVERO SPECIALE

Nella foto da sinistra: Peter Gold e Franco Torri

Peter Gold era già venuto in Italia 25 anni fa per partecipare ad un evento speciale della 10th Montain Division: “Return to Riva Ridge”, iniziativa nella quale Peter aiutò i veterani a scalare nuovamente, dopo 50 anni dalla guerra, le stesse montagne in cui ci fu l’epico assalto dell’inizio dell’Operazione “Encore”.
Una cosa molto bella è accaduta quando eravamo tutti a pranzo presso la Baita del Sole, ristorante sponsor della manifestazione. Proprio a fianco di Peter Gold era infatti seduto a mangiare Franco Torri, un alpino in pensione, tra i fondatori del Coro Monte Pizzo, che partecipò insieme a Peter 25 anni prima, all’organizzazione del ritorno dei veterani americani a Riva Ridge.

INTERVENTO DI VAL RIOS
10th Montain Division, Stati Uniti d’America

Nella foto da sinistra: Cruz Rios e suo figlio Val Rios

“Buongiorno,
mi chiamo Val Rios e sono uno dei passata presidenti dell’Associazione dei Veterani e Discendenti della 10th Mountain Division. Non sono in grado di stare con voi oggi per commemorare il 75° anniversario dell’Operazione Encore, ma mi è stato gentilmente chiesto di condividere alcune parole a nome della nostra organizzazione con voi.
Nel 1994 mio padre Cruz Rios (87 ° reggimento, compagnia K, 10th Mountain Division) tornò in Italia per la prima volta dalla fine della guerra. Lui e mia madre facevano parte del viaggio “Return to Italy”, sponsorizzato dalla 10th Mountain Division Association. Sei autobus carichi di veterani della 10th e le loro mogli hanno rivisitato i luoghi in cui i soldati hanno combattuto, qui, nelle montagne dell’Appennino. Alla fine del viaggio sono andato a prendere mia madre e mio padre all’aeroporto di Los Angeles e in 4 ore, li ho riportati a casa a Fresno. Per gran parte del viaggio verso casa, mio padre era in lacrime, ricordando i suoni della guerra e le visioni dei compagni caduti, in particolare il suo amico di buca, Fred Palmer. Sì, la guerra gli aveva lasciato un impatto devastante e in quel viaggio, riemersero molti degli incubi che aveva vissuto nel 1945.
Papà e io siamo tornati in Italia nel 2000 e questa volta, non fu solo un momento per ricordare, ma fu un viaggio di guarigione. Papà non solo è stato in grado di parlarmi degli eventi orribili della guerra, ma è stato anche in grado di raccontare molte, molte cose buone che ricordava. Mi disse come le persone li salutavano offrendo pane, formaggio e vino, specialmente mentre attraversavano la valle del PO. Mi disse come la gente lo accoglieva con un bacio su entrambe le guance e quanto fosse così diverso rispetto agli Stati Uniti dove, essendo di etnia messicana, vedeva spesso fontanelle per bere con insegne che dicevano: “No negri, no messicani, no cani.” Sì, il ritorno nel 2000 è stato un nuovo inizio per lui. Ha amato l’Italia e tutte le persone che abbiamo incontrato ed è stato in grado di tornare altre due volte prima della sua scomparsa nel 2016.
L’esperienza di mio padre non è unica. Tanti soldati che hanno combattuto in Italia sono tornati con ricordi piacevoli e spiacevoli. E nel corso degli anni, molti sono tornati in pace con quei ricordi.
Ma i soldati della seconda guerra mondiale stanno rapidamente svanendo e insieme a loro i loro ricordi. Il testimone è stato passato a me, a voi e alle generazioni future per ricordare gli eventi di così tanto tempo fa e per preservare la loro memoria ed eredità.
L’operazione Encore era un brillante piano militare. La presa di Riva Ridge, il monte Belvedere e Monte Castello da parte dei partigiani, della Forza di spedizione brasiliana e della 10th Mountain Dvision furono a dir poco un miracolo. Fu l’inizio del crollo della Linea Gotica che preparò la strada per l’offensiva di primavera che portò alla fine della guerra in Italia.
Quindi grazie, in occasione del 75 ° anniversario dell’Operazione Encore, a tutti coloro che hanno preparato questo evento “DAYS OF GLORY”. A nome dei veterani della 10th Mountain Division della Seconda Guerra Mondiale, i loro discendenti e i loro amici vi manifestiamo un sentito ringraziamento per aver ricordato le gesta eroiche dei nostri padri. E a tutti i civili, i partigiani coraggiosi e i soldati che hanno perso la vita su queste montagne, con onore e rispetto, diciamo PRESENTE!
SEMPRE AVANTI!”

INTERVENTO DI MARIO PEREIRA
FEB (Força Expedicionária Brasileira), Brasile

Nella foto da sinistra: Miguel Pereira e suo figlio Mario Pereira

“Ringrazio l’organizzazione di questo evento che ha come fine portare la conoscenza di una parte della nostra storia nazionale, che si fonde con la storia internazionale e mondiale, alle persone che sono riunite in questo splendido scenario naturalistico per passare una giornata nel segno della Pace che quest’aria, questo panorama, portano dentro di se come un valore intrinseco e ineluttabile.
Il contesto storico che ha portato i nostri padri a lottare per un mondo più giusto, umano, attento ai bisogni dei meno forti e fondato su basi democratiche, deve essere un monito per noi tutti, di quanto inutili siano le guerre, di quanta sofferenza esse portino e che, in fondo, esse niente risolvono.
La storia è maestra, ma la storia dovrebbe essere praticata ogni giorno, ricordando ogni giorno che i nostri antenati lottarono contro un modello di società che si era instaurata dall’avvento di ideologie contorte e atte a prevaricare i popoli e sfruttare le masse a favore di pochi.
In quei tragici momenti, tra i più bui della storia umana, anche un paese lontano e neutrale come il Brasile si organizzò a furor di popolo e contro il volere del presidente che vedeva di buon occhio le grandi dittature che dominavano le nazioni del continente europeo.
La Forza Expedizionaria Brasiliana venne in Italia e lottò su queste montagne, non belle come oggi, ma devastate dalla guerra, insieme al nostro popolo, ai nostri padri, nonni, bisnonni, e portando oltre all’aiuto militare, una ventata di speranza e di ottimismo, dando il proprio contributo al ritorno della pace e della democrazia, non solo nel nostro paese l’italia, ma nel mondo intero.
La partecipazione del Brasile, la vittoria del popolo brasiliano in armi, regolarmente inquadrato nella 5a armata, dove il valore di quei soldati impavidi, ma gentili con la popolazione, viene ricordata dai pochi che ancora oggi possono raccontare quei momenti, ma non fa parte della storiografia mondiale e sono poche le pubblicazioni che raccontano questo.
Le giovani generazioni dovrebbero conoscere la storia, rimasta  però relegata fino ad oggi ai soli racconti orali dei ragazzi di quei tempi. Ed è per questo che, raccolto il testimone da mio padre, un combattente della FEB, porto nelle scuole ed in tutti i contesti possibili questa vicenda storica dai grandi risvolti sociali.
Per questo le manifestazioni come quella odierna sono la dimostrazione che il riscatto storico della partecipazione degli eserciti “minori”, è un processo in cui tutti dobbiamo impegnarci e fare la propria parte.
Concludo ringraziando ancora gli organizzatori ed in particolare l’amico Riccardo Fioravanti, che si impegna, insieme al sottoscritto, per non far cadere nell’oblio tutta questa storia che vide in queste splendide montagne il palco funesto del conflitto.
Oggi queste montagne sono luogo di Pace e di serenità per molti.
Grazie a tutti.”


RINGRAZIAMENTI

Riccardo Fioravanti, nel ruolo di organizzatore dell’evento DAYS OF GLORY e di Presidente di Porretta Terme Way e di Appennino Experience, ringrazia per la preziosa collaborazione:
Val Rios e l’Associazione Veterani e Discendenti della 10th Mountain Division, Mario Pereira e la FEB (Força Expedicionária Brasileira), Antonio Baruffi presidente dell’ANPI Appennini Bolognesi, Peter Gold, Franco Capitani e i maestri di sci delle Scuole Corno alle Scale e Freestyle, Fabrizio Fioresi e il Coro di Monte Pizzo, Elio Pasquali, Vanes Pozzi, i Comuni di Lizzano in Belvedere e di Alto Reno Terme, l’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese, i Carabinieri di Lizzano in Belvedere, la Zerolupi S.r.l. Impianti di Risalita del Corno alle Scale, la Baita del Sole, l’Hotel Monte Pizzo, le Terme di Porretta, l’Hotel Roma e tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita di tale manifestazione.


Articolo di Riccardo Fioravanti, Presidente di Porretta Terme Way e di Appennino Experience

L’Appennino Tosco Emiliano unito da un’importante convenzione grazie alle Terme di Porretta

Riccardo Fioravanti, Presidente di Porretta Terme Way, mette in rete l’intero comparto turistico invernale, collegando le Terme di Porretta con il Corno alle Scale, il Cimone, l’Abetone, la Doganaccia e il Palaghiaccio di Fanano

“Non è stato facile e tuttora stiamo lavorando per espandere il progetto che certamente non si fermerà al solo periodo delle Feste Natalizie, ma si svilupperà anche per tutto il prossimo anno con diverse stimolanti iniziative”.
L’iniziativa di cui parla Fioravanti, è il “White Christmas Wellness”, un’operazione di promozione delle Terme di Porretta e della Rete Turistica Porretta Terme Way, che prevede una serie di sconti per tutti i clienti delle varie attività convenzionate del comparto turistico invernale dell’Appennino Tosco Emiliano e viceversa, una serie di sconti per i clienti delle Terme dotati dell’apposita CARD.
A riguardo, Alessandra Sartini, amministratore unico delle “Terme di Porretta”, afferma: “Fioravanti ha capito e soprattutto sta mettendo in pratica il concetto che, se si vuole avere successo a livello turistico, è necessario unirsi in strategie comuni e superare la mentalità campanilistica”.
Della stessa idea è anche Giovanni Pedretti, legale rappresentante della “Zerolupi Srl.”, gestore degli Impianti Sciistici del “Cimone” e del “Corno alle Scale” che ha aderito al progetto “allo scopo di incentivare i vari soggetti turistici della montagna a lavorare insieme per il successo”.
Segue a ruota anche il commento positivo di Matteo Biagi di “We Love Abetone”, Associazione che organizza eventi di vario genere, feste, cene in baita, discese notturne con gli sci, ciaspolate, fat-bike e altre iniziative per rendere vivo il loro territorio.
Anche la “Doganaccia” rappresentata da Ronny Ceccarelli è parte di questa cordata turistica: “Noi crediamo fortemente al gioco di squadra. È impensabile oggi ragionare ancora per confini geografici. Il visitatore ci deve vedere come un unico soggetto turistico che offre un universo di esperienze per vivere un’emozionante soggiorno in montagna”.

Per info clicca qui


Porretta Terme Way (C) 2019

Come è andata la Festa del Massaggio?

La domanda è ovvia ma la risposta non è scontata.
Ma chi domenica scorsa 1 dicembre era alle Terme di Porretta, non può non aver sentito che qualcosa di bello stava nascendo.
Per la cronaca i numeri dell’evento sono strabilianti: 9 cabine massaggio utilizzate, 10 lettini per trattamenti impiegati, 1 palestra con 2 postazioni shiatsu adoperate, più di 100 massaggi donati gratuitamente, 15 operatori di massaggi olistici disponibili a rotazione, 7 ore di massaggi elargite.
Ma la notizia che proprio non si può descrivere a parole, sono i volti dei clienti prima e dopo il massaggio; rinati!
Non abbiamo ricevuto alcuna lamentela e tutti i clienti ci hanno ringraziato per questa iniziativa che certamente ripeteremo in futuro.
Ma questo evento è in realtà un’importante vetrina in cui abbiamo mostrato le possibilità del Centro di Medicina Estetica delle Terme di Porretta che ha certamente passato la prova e che ora si prepara per entrare a pieno titolo nel grande mondo dei massaggi.
Alcune clienti hanno già prenotato un massaggio futuro, molti ci hanno chiesto di rimanere aggiornati sulle nostre prossime iniziative e un gruppetto di clienti di Bologna ci ha chiesto di acquistare i nostri Pacchetti Regalo perchè, diciamolo chiaro, regalare questo genere di massaggi il prossimo Natale ad una cara amica significa avere la sua gratitudine per sempre 🙂
Una menzione speciale e il nostro ringraziamento va poi a tutti i massaggiatori che si sono messi a disposizione per offrire al pubblico dell’evento un assaggio di una varietà notevole di massaggi provenienti dalle culture di tutto il mondo; lo Shiatsu Giapponese, il Massaggio Thailandese, il Lomi Lomi Hawaiano, l’Ayurvedico Indiano, il Massaggio Classico Romano Termale e tanti altri.
Gli operatori sono stati instancabili, disponibili e uniti, creando un’atmosfera di grande accoglienza e armonia e dimostrando una grande professionalità.
Il bilancio quindi di questa iniziativa è fortemente positivo, non solo per come è andato l’evento, ma per le opportunità che tale progetto ci apre per il futuro.


Porretta Terme Way (C) 2019

Un nuovo capitolo si apre alle Terme di Porretta grazie alla Festa del Massaggio

Domenica 1 dicembre 2019, si svolgerà presso il Campus del Benessere Olistico delle Terme di Porretta, la prima edizione della FESTA DEL MASSAGGIO.
Avrai l’opportunità di poter assaggiare gratuitamente tra moltissime tipologie di massaggi; lo Shiatsu, la Riflessologia Plantare, il Massaggio Svedese, il Massaggio Californiano, il Massaggio Thailandese, l’Hot Stone Massage con le pietre riscaldate, il Massaggio Ayurvedico e tanto altro ancora.
Non perdere questa occasione e vieni a sperimentare le diverse arti del massaggio provenienti dalle culture di tutto il mondo.

Se c’è un massaggio particolare che vuoi provare assolutamente e non vuoi perdere il tuo posto, ti consigliamo di venire presto all’evento in modo da riservarlo direttamente allo sportello prenotazione.

E per ingannare le eventuali attese o semplicemente per coccolarti tra un massaggio e l’altro, puoi recarti nella Piscina Termale che rimarrà aperta dalle ore 10.00 alle 18.00 al costo scontato di 15 euro invece che 18 euro.

Per info clicca qui


Porretta Terme Way (C) 2019

Corso di Operatore Turistico dell’Appennino

Corso Turismo Bologna Welcome - Riccardo Fioravanti

Porretta Terme Way sempre aggiornata nel mondo del turismo. Questa settimana Riccardo Fioravanti, Presidente dell’Associazione, riceve l’Attestato per il Corso di Operatore Turistico dell’Appennino, durato alcuni mesi e patrocinato da Bologna Welcome.
“Andare avanti e indietro tra Bologna e la montagna è stato impegnativo. Mi occupo di marketing, coaching e comunicazione da molti anni, ma nonostante ciò per me vale sempre la famosa massima; nella vita non si finisce mai di imparare.”

 


Porretta Terme Way (C) 2019

Piscina Termale Aperta anche il fine settimana!

volantino_piscinatermaleaperta2019

GRANDE NOVITA’

Da sabato 28 settembre, la Piscina Termale delle Terme di Porretta riapre il fine settimana!

Dal lunedì al sabato:
dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.30

Domenica:
dalle 10.00 alle 18.00

E con la “Porretta Terme Way CARD” avrai l’ingresso scontato!

 


Porretta Terme Way (C) 2019

Let’s go soul!

Porretta Soul Festival 1

Let’s go Soul!
Si parte per il Porretta Soul Festival!
Da oggi e fino a domenica prossima 21 luglio, Porretta si trasforma nella capitale mondiale del Soul.
In questi giorni accade qualcosa di magico, l’atmosfera cambia, l’energia della Soul Music contamina tutti e piano piano ogni persona che si trova in zona incomincia a battere il tempo e a far venire fuori la propria anima.
Non è un’esperienza che si può raccontare, la puoi solo vivere sulla tua pelle e soprattutto dentro la tua anima. Let’s go Soul!

 

volantino_convenzionesoulandwellness.2019

Finalmente il Porretta Soul Festival e le Terme di Porretta ritornano a danzare insieme.
Chi esibirà il ticket d’entrata al Porretta Soul Festival, potrà infatti usufruire di uno sconto eccezionale di 3 euro per l’ingresso alle Terme di Porretta, con la sua grande piscina termale, la sauna, il percorso vascolare e l’area relax, uno sconto di 2 euro per la visita alle Sorgenti Termali Sotterranee e il 20% di sconto per i prodotti di Cosmetica Termale “Natives” che potrai acquistare durante i giorni della manifestazione presso il nostro stand all’interno del Rufus Thomas Park, sede del Festival.
Dopo una scatenata serata di Soul, cosa c’è di più bello che godersi qualche ora di meritato relax nella meravigliosa e salutare acqua termale di Porretta?
Un sentito ringraziamento a Graziano Uliani, per aver accolto il nostro invito a collaborare insieme per una accoglienza sempre più di qualità!

Per le visite alle Sorgenti Termali Sotterranee è necessario prenotarsi al 0534-22062.
L’intera offerta è valida fino al 30 settembre 2019.

Visita il sito del Porretta Soul Festival: cliccca qui

 


Porretta Terme Way (C) 2019